Partito alle 8:30 stamani, ho trovato meteo ottimale fino a Genova, dopodiché acqua, acqua, è soltanto molta acqua, come già recensito durante qualche test che ho fatto prima di partire, le Dunlop, sul bagnato sono veramente paurose, pur avendo il controllo acceso, la ruota dietro ha fatto quello che gli è parso per più di una volta, facendomi prendere degli spaventi assurdi, praticamente bisogna guidare con la stessa attenzione di quando si maneggia un vado Ming. Dunlop mai più.

Verso le 18:30 la situazione è meteo è cambiata, ha cominciato a diluviare, quindi non riuscendo più a vedere nulla alle 19:30 dopo 880 km ho deciso di fermarmi e trovare qualcosa per dormire e cenare, sono alcuni km dopo Lione sperso nelle colline, in un posto che si chiama Lea Sauvages.

Su Booking ho trovato un posto a 30€, con ristorante, quindi ho la possibilità di cenare senza dover riuscire.

Non è un problema viaggiare sotto l’acqua, lo sapevo che il tempo sarebbe stato così, ma porca puttana un’ora di tregua la poteva fare..

Domani mi rimangono 400 km che spero di fare nella mattinata, così da avere il pomeriggio tranquillo( sempre sperando che il meteo non ci si metta di mezzo ), per fare visita alla prima tappa del viaggio.

Oradur Sur Glane, forse qualcuno lo conosce, ma credo siate in pochi, io l’ho scoperto solo due mesi fa, e poi vi racconterò come.

Domani ho deciso di fare una piccola diretta, dove vi spiegherò dove è, e cosa è successo in questo posto, e fidatevi la storia è davvero incredibile.

Adesso un po’ di mappe e poi vedo di dormire che anche stanotte, come tutte le notti prima dei viaggi, sono talmente agitato che non chiudo occhio.

Buonanotte.

Social:
Email
Facebook
Facebook
YouTube
YouTube
Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *