2 Giorno “alla scoperta del Vallo Atlantico”

Sono le 7:00, e anche se ieri è stata molto impegnativa, stamani mi sveglio in grande forma, durante l’organizzazione del viaggio avevo deciso di non percorrere altra autostrada, e quindi da oggi faro cosi.

Mi incammino, ma dopo essermi illuso, per i primi 10 km, ricomincia piove abbondantemente, attraverso Parc Naturel Régional Livradois-Forez tutto d’un fiato, direzione Clermon Ferrand, oggi ho previsto di arrivare a Oradur Sur Glane, visitarlo, meteo permettendo, e macinare un pò di km per avvicinarmi alla Normandia, dove rimarrò per 3 giorni.

Da Clermon Ferrand, attraverso il Parco del Limusin, veramente affascinante, immerso fra colline e foreste mangio km senza rendermene conto, alle 14:00 arrivo a Oradur Sur Glane, 1 tappa del Viaggio con escursione.

Ho scoperto Oradur Sur Glane, leggendo in un libro sul D Day, che la Seconda Divisone Panser SS ” Das Reich “, ha commesso un’incredibile Massacro di massa.

In poche parole, per fare un’esempio piu comprensibile, a Oradur Sur Glane è accaduto quello che in Italia è accaduto a Sant’Anna di Stazema, e a Marzabotto.

Alcuni anni fà, questo paese e diventato Patrimonio dell’Unesco, ed è stato conservato nelle stesse condizioni di come lo lasciarono in Tedeschi delle SS dopo il Massacro di 642 persone.

Oggi il sito è completamente visitabile, e non si paga nulla per fare la visita, l’unica cosa che si paga, e sempre la stessa in questi luoghi, il prendere coscienza della follia umana, questo a parere mio non ha alcun prezzo.

Posteggio la moto, e finalmente vedo un filo di sole, sole circondato da nuvole nere come il carbone, ma decido di affrettarmi e mi incammino.

Il paese è in uno stato di conservazione incredibile, è un paese fantasma, e le case con ancora sopra un tetto sono davvero poche. E spettrale, ma allo stesso tempo mi affascia, lungo le vide del Paese ci sono le targhe affisse ai muri delle case per far capire che cosa ci fosse, quindi dalla Panetteria, al Parrucchiere, al Garge, molto suggestiva, come le auto dell’epoca abbandonate dove sono state trovate. Proseguendo di puo accedere alla chiesa, dove al loro interno furono rinchise centinaia di persone, e con delle bombe uccise, il tetto della chiesa crollo, ma tutto il resto rimase intatto, all’interno si trova diverse cose dell’epoca, come un confessionale e come l’altare di marmo.

dopo aver scattato foto e girato qualche video, decido di proseguire, ma nemmeno il tempo di arrivare alla moto, che  ricomincia a diluviare, attendo un pò, ma l’insistenza della pioggia mi spinge a rimettermi in cammino. Sono ormai le 17:30, ho percorso oltre 500km, e sono tutto mezzo, in un momento NO, decido di trovare qualcosa e fermarmi, su Booking, trovo un albergo a 45 €, fuori budget, ma mi scende la catena e prenoto.

Arrivo in questo paese veramente favoloso si chiama Chauvigny,  all’ingresso del paese c’è questa tavola informativa, che dice essere un paese Medievale unico In tutta Europa, dove una chiesa si arroccata a strapiombo domina tutto il paese sottostante, davvero stupendo.

A pochi passi dall’hotel, in pieno centro trovo una pizzeria, dove fanno una pizza davvero eccellente, buona e bella carica.

é l’ora di andare a riposare, domani mi aspettano 600 km, e l’escursione a Le Moint Sant Michel, in cerca di Bunker non cosi famosi da trovare indicazioni.

Buonanotte amici.

 

Social:
RSS
Follow by Email
Facebook0
Facebook
Google+34
Google+
https://www.riccardoguerrini.it/2018/05/31/2-giorno-alla-scoperta-del-vallo-atlantico/
YouTube4k
YouTube
Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *