Buongiorno, stamani la mattinata parte con la massima calma, dopo aver preparato meticolosamente tutto il materiale foto e video, sistemo tutto nelle valige laterali della moto e parto.

Visto che qui praticamente potrei girare senza sosta facendo decine di escursioni, ho deciso di suddividere questi tre giorni in tre zone, cosi da non perdere tempo nei trasferimenti.

1 Giorno Zona Ovest, 2 Giorno Zona Centrale, 3 Giorno Zona Est.

Mappa storica D-Day.

2 Giugno 2018 – 1) Giorno

La prima cosa che voglio assolutamente vedere, è la vetrata della chiesa di Sainte Marie Eglisse, una Vetrata completamente unica nel suo genere, alcuni di voi, ricorderanno che durante lo sbarco in Normandia, ci fù un’episodio davvero singolare, dove un paracadutista rimase impigliato sul Campanile di una Chiesa, questa è la chiesa in questione, e fuori si può trovare anche un manichino appeso al Campanile in ricordo di questa vicenda.

Ecco il Mosaico che si trova nella Chiesa.

Di fronte alla piazza della chiesa, nei giorni del D Day Festival, ci sono un sacco di manifestazioni, luoghi dove mangiare, mangiare, bancarelle con specialità, e un mercatino con armi e accessori dell’epoca.

Sempre nella piazza troverete anche l’ Airborne Museum, che per gli appassionati del telefilm Band Of Brother, e davvero tutto incredibile.

Pochi metri fuori dal paese, si può visitare il campo Geronimo, una delle prime teste di ponte dello sbarco. Al suo interno appassionati e non espongono mezzi militari davvero eccezionali, completamente originali e in stati perfetti, in più sono tutti vestiti a tema, e questo a parere mio che rende la festa davvero emozionante.

Proseguendo in direzione della prima Spiaggia che visiterò, si può trovare per i malati della serie televisiva, Band Of Brothers, dedicata ad alcuni episodi realmente accaduti, il Monumento a Richard Winters, praticamente il protagonista della serie, il nome usato nella serie, è reale, come del resto anche per tutti gli altri personaggi.

Ecco alcune foto, e il video dalla mia pagina FB

Dopo pochi minuti, si arriva nella spiaggia, Utah.

Utah Beach era il nome in codice alleato di una delle cinque spiagge in cui avvenne lo sbarco in Normandia, all’interno dell’Operazione Overlord, il 6 giugno 1944. In particolare la spiaggia di Utah costituiva il settore più occidentale della costa interessata dalle operazioni militari e si estendeva nella penisola del Cotentin, tra le località di Pouppeville, nel comune di Sainte-Marie-du-Mont, e Saint-Martin-de-Varreville.

Vallo Atlantico, con oltre 5000 km dalla Francia fino alla Norvegia, a difesa dell’Europa Nazista, si possono trovare ancora oggi, siti davvero incredibili di queste mega costruzioni di Hitler, in questi tre giorni sarò nel punto cardine, praticamente di tutta la Seconda Guerra Mondiale.

Arrivati ad Utah, ci sono diverse cose da vedere, vi consiglio di visitare il Museo che è proprio a ridosso della spiaggia, davvero ben organizzato, con articoli molto interessanti, e video di sicuro interesse.

Di fronte al Museo, c’è un Bar, dove si può pranzare, e se si ha la Fortuna, è possibile incontrare anche alcuni Reduci, che simbolicamente, da anni tornano a vedere questi luoghi, per loro certamente indelebili. Visitando il locale capirete di cosa parlo.

Proseguendo lungo la costa in direzione Cherbourg, si possono trovare davvero molti siti interessanti, Bunker, linee di difesa, fino ad arrivare a Quineville, dove si trova il World War 2 Museum.

Lasciando di poco la costa, vi consiglio di addentrarvi un pò nell’interno a visitare le due batterie più famose di questi luoghi, e ad Ecauseville, si trova lo storico sito Hangar à dirigeables, assolutamente da vedere.

La prima Batteria, che è completamente visitabile è la Crisbecq Battery,  poco dopo sulla stressa strada si trova la Batterie d’Azeville.

Queste due Batterie, sono state  protagoniste della difesa durante lo Sbarco, come vedrete dalle foto sotto, solo alcune perchè le altre le troverete nel libro, le due Batterie sono completamente visitabili, e davvero uniche nel genere.

3 Giugno 2018 – 2) Giorno

Oggi dedicherò la giornata alla spiaggia di Omaha Beach, la seconda spiaggia in ordine di programma, visiterò alcune batterie di difesa che fanno parte del vallo atlantico, come Point Du Hoc, Longues-sur-Mer battery, e alcuni Bunker davvero esclusivi.

L’e emozioni che si provano sulla spiaggia di Omaha Beach, ovviamente conoscendo  la storia di questa spiaggia, sono davvero incredibili, guardo la spiaggia e immagino decine di scene viste in documentari, film, e riesco anche a vedere le storie raccontate dai reduci. Non che le altre spiagge, siano meno importanti, ma a Omaha, è stata davvero la più dura spiaggia da conquistare, e sono morti centinaia di Alleati, tutto questo in pochissime ore.

Sono ormai le 23:00, e sulla spiaggia di Omaha, mi godo il tramonto piu bello che abbia mai visto.

4 Giugno 2018 – 3)Giorno

Dopo due giorni incredibilmente fortunati di meteo favoloso, la Normandia mi regala il meteo che mi la distingue da altre regioni, nuvole belle cariche, e temporali sparsi.

Avendo preso per questi tre giorni, il capeggio a ridosso di Omaha Bech, decido stamani in attesa e nella speranza che il meteo mi dia un pò di tregua, di prendere due souvenir da portare agli amici, ed essendo a pochissimi km dal Memorial Museum of Omaha Beach, museo che ho già visitato in passato e so che ha molti articoli.

Cambiare i programmi non mi piace molto, i viaggi sono lunghi, e se non segui il programma ti puoi ritrovare ad allungare il viaggio, ma lo faccio spesso, e spesso scopro cose incredibili.

La Fortuna di questa giornata piovosissima, la trovo al Museo:

Il primo in foto è un Eroe della seconda guerra mondiale, un sopravvissuto di Omaha Bech, è incredibile, ma e qui, davanti a me, chiedo allo staff di poter fare una foto, e quando mi avvicino, lui mi guarda con un sorrisino e mi chiede dove andassi tutto vestito cosi……gli rispondo che sto facendo un viaggio ripercorrendo tutto il vallo atlantico dalla Spagna alla Danimarca, in moto, lui ci pensa un momento, mi guarda e mi dice, sei davvero un pazzo….Il secondo come noterete bene dagli stemmi è un’aviotrasportato, presente quelli del telefilm Band Of Brothers….ecco, questo Eroe si è paracadutato nella notte del 5 sulla Normandia, il resto è storia.

Purtroppo il meteo non solo da impressione di calare, ma intorno alle 14:00 si abbatte sulla zona una vera tempesta, e quindi, decido di rintanarmi nel bungalow, e riposarmi un pò, visto che domani riparto e i km sono ancora tanti da fare.

Che dire, tre giorni davvero incredibili, ho visto posti unici, che emanano ancora odore di guerra, che fanno pensare, e di certo mi hanno lasciato qualcosa dentro per sempre.

Social:
Email
Facebook
Facebook
YouTube
YouTube
Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *