Come premesso, parto con oltre un’ora di ritardo, ma come già detto, questo è un privilegio del viaggiare da soli.
Sono le 9:00, decido di arrivare a Bologna, percorrendo la Porrettana, la strada che da dove abito taglia tutto l’Appennino Tosco-Emiliano. Alle 10:30, sono all’ingresso di Sasso Marconi, inizio a macinare un pò di km, la direzione è Trieste. Nemmeno passo Ferrara, e l’abbiocco da Autostrada comincia a farsi sentire, decido quindi di fare una sosta per un caffè, e come al solito la sosta è fortunata. Mentre posteggio la moto, mi si avvicina uno, tutto vestito BMW, e comincia a chiedermi dove vado e da dove arrivo, dopo alcune chiacchere gli chiedo dove và tutto bello vestito, e lui mi dice essere un Autista ufficiale del DTM BMW, ancora due chiacchere, dove mi racconta che arriva da misano e salta fuori che trasporta la macchina del grandissimo Alex Zanardi, che ci crediate o meno e un’emozione solo avere l’autista che porta l’auto, parliamo ancora un pò, sopratutto di Zanardi, e l’autista, non si risparmia di elogiare il campione, dicendomi che è una persona favolosa, che ride sempre e che tiene su l’umore di tutta la scuderia. Dopo l’incidente, ho sempre pensato a che persona di grande carattere sia stato, per come ha reagito, e per come si sia rimesso in gioco.
Va bè, mi rimetto in cammino, anche perchè dopo molto insistenza da parte mia Shulz, non ha alcuna intenzione di aprire il rimorchio e farmi vedere la macchina del campione, ma forse era una pretesa un po troppo esagerata.
Mi accontento e ricomincio a macinare km, arrivo a Monfalcone, e visto l’abbiocco, esco dall’autostrada, inzio a percorre le strade normali, un pò trafficate, ma almeno non rischio di addormentarmi.
Arrivo in Slovenia, e non me ne rendo conto, ma mi rendo subito conto di arrivare alla dogana con la Croazia quando sorpasso almeno 10 km di coda.

moto copyright (3 di 4)moto copyright (1 di 1)
Sono praticamente arrivato, a poche decine di km, ho fissato in un B&B, da un ragazzo che ho conosciuto su Fb, si Chiama il Merlo Olivo, ed e vicino a Buje.
Mi fermo a fare una bevuta, e faccio gli ultimi km, arrivo e trova Franz, ad aspettarmi, ci salutiamo facciamo due chiacchere e poi mi sento un pò stanco, decido di docciarmi andare a cena e mettermi nel letto, il primo giorno è sempre cosi, la sera sono a pezzi.

moto copyright (4 di 4)

Domani visiterò Zeljava, una base militare in disuso, molto famosa per i viaggiatori che passano da queste parti, e allora ho deciso di passarci. L’obbiettivo sarebbe arrivare a Sarajevo, dove vorrei dormire per poi visitare la citta il giorno seguente e riprendere il viaggio con calma.

Se hai letto l’articolo, ti invito a commentarlo e a condividerlo. Grazie…..

Social:
Email
Facebook
Facebook
YouTube
YouTube
Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *