Stamani con la calma che mi contraddistingue quando viaggio da solo, mi sono svegliato alle 8:30 e sono riuscito a partire alle 10:00, tardi lo so ma non avevo preparato nulla, in fin dei conti sto via tre giorni massimo 4, cosa vorrai mai portare? ( tutto come se stevvi via per sempre ovvio ).

Per arrivare ad Atessa, dove si terra l’Africa Twin Days organizzato dal Moto club Africa Twin Italia, ho preparato un percorso davvero originale, ho spuntato sul programma di tomtom autostrade, superstrade, e strade di grande importanza, quindi rimangono solo le stradine secondarie, e stasera mi dico che forse ho fatto una cazzata. Bè una cazzata ma che mi ha permesso di passare in paesi di cui non conoscevo nemmeno l’esistenza e di cui sono rimasto entusiasta.

Stasera mi trovo a L’aquila, sono riuscito a percorre circa 470 km dalle 11:00, si le 11:00 perche l’Evento a cui sto andando si terrà presso la fabbrica della HONDA di Atessa e voglio che la moto sia perfetta, quindi prima di partire sono passato dagli amici di HONDA Motor Time Lucca, a controllare la moto e dargli una bella lucidata assieme dell’amico Fabio…..( scherzo gli ho chiesto lo Spray e lui da solo mi ha reso la moto come nuova, e il numero 1 ).

E l’ora di mettersi in cammino, passo Altopascio, san Miniato, San Gimignano e faccio la prima sosta alla fortezza di Poggio Imperiale, che non conoscevo e che devo assolutamente tornare a visitare, bellissima, la struttura si presenta con delle dimensioni davvero incredibili, la curiosità che mi lascia a tanta, ma ho molta strada da fare e non posso visitarla, quindi dopo una sosta sotto le favolose mura riprendo il viaggio.

Proseguo passando da Monteriggioni, che conosco benissimo, e attraversando la mia amata Siena, citta in cui ho studiato e che porterò sempre nel mio cuore. Immediatamente uscito da Siena mi ritrovo immerso nella zona delle Crete senesi, e davvero unico e particolare. Le strade sono praticamente vuote e questo mi permette di divertirmi anche un pò con le gomme appena montate ( metzeler tourance next ), passo Asciano, san Giovanni D’Asso e mi ritrovo a Bagno Vignoni.

Radicofani, Torre Alfina, Orvieto che mi lascia come sempre di stucco per l’incredibile paesaggio mozzafiato. Ho deciso di passare da Narni, famoso paese che si dice abbia dato le fantasie alle Cronache di Narnia. Giro un pò e sinceramente mi aspettavo di trovare qualche collegamento, ma nulla e i km da fare sono ancora molti, quindi via come una lepre, passo Terni e sono immediatamente su su per la cascata delle Marmore, dove mi ritrovo a percorre una delle strade più bella della giornata che è il tratto appunto da Marmore a Piè di Poggio, ve lo consiglio. Finalmente il navigatore ha previsto di farmi arrivare all’Aquila su una specie di superstrada e da Rieti in un’oretta arrivo nel pieno centro dell’Aquila. Sono ormai le 19:00, rimangono 140 km circa ad arrivare alla meta per le 12:00 di domani, quindi decido di trovare qualcosa nel centro storico, e con poco più di 40 € trovo albergo con prima colazione e posteggio per la moto. Non ero mai venuto dopo il terremoto, e la curiosità di vedere come procede la ricostruzione e tanta. Sono ancora indelebili i pensieri dell’anno scorso quando passando da Casteluccio, Amatrice , Accumoli, la tristezza prese il sopravvento emotivo, tanto che non mi sentì fare nemmeno una fotografia. Oggi la prima cosa che mi ha colpito arrivando sono state le Grù, ce ne sono davvero tante, impossibile contarle, stasera uscendo per cenare, ho approfittato di essere in pieno cento per visitare un pò la zona vecchia, e si ci sono ancora molti lavori da fare, ma le persone qui dimostrano una voglia di rinascita oltre ogni immaginazione. Questa è l’Italia e gli Italiani che amo, gente che tiene alle proprie radici e terre prima di ogni altra cosa……non certamente come chi ci ha governato lasciandoli tutti da soli, a parere mio una delle più grandi vergogne che uno stato si possa portare dietro…..per capirlo basta passare dalle zone che ho citato prima…..

Su consiglio del ragazzo dell’hotel, un simpaticissimo napoletano, sono andato a cena in un’osteria che si chiama da Giorgione, mamma mia ragazzi…….consigliatissimo. E’ proprio nella via principale a pochi metri da piazza del Duomo…..

Antipastino ( Sandra a casa starà scuotendo la testa )
Secondino strepitoso ( qui Sandra non scuote più nemmeno la testa )

Bene ora un buon riposo, ci vediamo in strada ragazzi…….

Buonanotte….

Social:
Email
Facebook
Facebook
YouTube
YouTube
Instagram

Commenta questo Articolo: